Confesercenti Sassari

Bonus pubblicità 2018 on line anche per enti non commerciali

18 gennaio 2018

Il D.L. n. 50/2017 (cd. manovra correttiva) ha introdotto l'agevolazione fiscale, sotto forma di credito de‖' imposta, a favore di imprese e professionisti per campagne pubblicitarie effettuate su quotidiani, periodici, emittenti televisive e radiofoniche. La misura è stata poi, in parte, integrata dal Collegato fiscale D.L. n. 172/2017, in vigore dal 6 dicembre 2017. Viene, così, modificato parzialmente sia l‖ambito oggettivo sia il perimento soggettivo di applicazione dell'agevolazione. In particolare, il bonus è stato esteso anche:
 Agli enti non commerciali;
 Alle campagne pubblicitarie effettuate on-line.
Vengono anche definiti i paletti di spesa per il 2018:
 12,5 mln di euro destinati agli investimenti sulle emittenti radio-televisive locali;
 50 mln di euro riservati agli investimenti sulla stampa, anche on-line, di cui 20 per gli investimenti incrementali effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017, e 30 per gli investimenti da effettuare nel 2018.
Ecco di seguito le principali caratteristiche dell'agevolazione.
Ambito soggettivo
Possono accedere al bonus:
 i titolari di reddito di impresa, indipendente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza e dal regime contabile adottato;
 gli esercenti arti e professioni;
 gli enti non commerciali.
Spese agevolabili
Le spese agevolabili sono quelle riguardanti investimenti in campagne pubblicitarie su quotidiani e periodici, anche on line, emittenti TV e radio locali effettuati a partire dal 24 giugno 2017. Non sono agevolabili gli investimenti che hanno per oggetto televendite, servizi di pronostici, e cosi via. 
Agevolazioni
Il credito d'imposta è pari al 75%, aumentato al 90% nel caso di micro, piccole e medie imprese e start up innovative, del valore incrementale degli investimenti effettuati sui mezzi pubblicitari sopraindicati, a condizione che tale incremento sia almeno pari all' 1 %. Il credito d'iposta liquidato potrà tuttavia essere inferiore a quello richiesto, qualora l'ammontare totale delle richieste superi quello delle risorse stanziate. Per il primo periodo di applicazione dell agevolazione, ossia dal 24 giugno al 31 dicembre 2017, gli investimenti premiati sono solo quelli effettuati sulla stampa, inclusa la versione on line per effetto delle novità apportate dal D.L. 148/2017. Ai fini del computo dell'Agevolazione, si applicano i criteri di cui all'art . 109 del Tuir; l'effettività della spesa deve poi risultare da un' apposita attestazione rilasciata dai soggetti titolati al rilascio del visto di conformità, oppure da un revisore legale dei conti. Qualora il credito d‖mposta sia superiore a 150.000 Euro, per fruire dello stesso occorre che l'impresa richiedente abbia esperito l'accertamento preventivo di regolarità presso la Banca dati nazionale antimafia del Ministero dell'interno. Il credito d'imposta, nella forma di contributo in conto esercizio, sarà rilevato in bilancio adottando la stessa modalità di rilevazione contabile per competenza adottata per la spesa a cui afferisce.
Modalità di utilizzo
Il credito d'imposta non è cumulabile con altre agevolazioni nazionali o comunitarie aventi per oggetto la medesima spesa; esso è poi utilizzabile in compensazione tramite modello F24, , presentando apposita comunicazione telematica su piattaforma delle entrate.


← Ritorna indietro


INNOVA ENERGIA

INNOVA ENERGIA

FISCALITA'

CREDITO


Orario di apertura:

dal Lunedì al Venerdì
dalle 08:30 alle 12:30
Mar - Mer - Gio
15:30 - 17:30
Campagna adesione

Confesercenti INFORMA

Confesercenti informa 2017

CAAF Sicurezza fiscale
CESCOT
Fonter
Com Fidi
Consorzio Regionale Esercenti Sardi Fidi

Patronato ITACO