Confesercenti Sassari

sistri: pagamento contributi e successive comunicazioni

14 maggio 2010

  Come è noto, il 29 aprile u.s. è scaduto il termine per l’iscrizione al SISTRI delle imprese facenti parte delle tipologie di attività residuali rispetto a quelle cui appartengono gli operatori che già avrebbero dovuto iscriversi entro il 30 marzo.

Fra queste, ad esempio, le imprese produttrici di rifiuti pericolosi che occupano fino a 50 dipendenti (ad esempio i gestori di impianti di distribuzione di carburanti produttori dell’olio esausto residuato dal cambio di lubrificante dei motori dei veicoli).

In proposito, a seguito delle numerose segnalazioni pervenuteci, ricordiamo le procedure consequenziali all’avvenuta iscrizione al sistema da parte degli operatori.

 Come stabilito dall’art. 5 del decreto ministeriale 15 febbraio 2010 (commentato da questo Ufficio con la nota prot. n. 4192, del 1° marzo u.s.), ciascun operatore, una volta iscritto al SISTRI, riceverà un numero di pratica e, successivamente, nel piu' breve tempo possibile, dovrà effettuare il pagamento del contributo di sua competenza per acquisire i dispositivi elettronici ad esso spettanti.

Il pagamento potrà avvenire nei seguenti modi:

 

  • presso qualsiasi ufficio postale: mediante versamento dell'importo dovuto sul conto corrente postale n. 871012, intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma. In particolare, nella causale di versamento occorrerà indicare:

    • Capo 32/Capitolo 2592/Articolo 14 - contributo SISTRI/anno 2010;

    • il codice fiscale dell'Operatore;

    • il numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell'avvenuta iscrizione;

      • presso gli sportelli del proprio istituto di credito: mediante bonifico bancario alle coordinate IBAN: IT88 Z010 0003 2453 4803 2259 214.

In particolare, nella causale di versamento occorrerà indicare:

  •  
    • contributo SISTRI/anno 2010;

    • il codice fiscale dell'Operatore;

    • il numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell'avvenuta iscrizione;

  • presso la Tesoreria provinciale dello Stato (Banca d'Italia): versando il contributo in contanti con la seguente causale di versamento:

  •  
    • Capo 32/Capitolo 2592/Articolo 14 - contributo SISTRI/anno 2010;

    • il codice fiscale dell'Operatore;

    • il numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell'avvenuta iscrizione.

 Dopo aver effettuato il pagamento dei contributi spettanti, gli Operatori dovranno comunicare al SISTRI, via fax al numero verde 800 05 08 63 o via e-mail all'indirizzo contributo@sistri.it, i seguenti estremi di pagamento:

  •  
    • numero della quietanza di pagamento rilasciata dalla Sezione della Tesoreria Provinciale presso la quale e' stato effettuato il pagamento, ovvero il numero VCC-VCY della ricevuta del bollettino postale, ovvero il numero del "Codice Riferimento Operazione" (CRO) del bonifico bancario;

    • l'importo del versamento;

    • il numero di pratica a cui si riferisce il versamento.

  A seguito dell'invio al SISTRI degli estremi del pagamento, gli Operatori saranno contattati dalle Camere di Commercio o dalle Associazioni imprenditoriali o dalle loro societa' di servizi delegate dalle Camere di Commercio (qualora si sia proceduto alla stipula della Convenzione tra Camera di commercio e Confesercenti o società di servizi di diretta emanazione) ovvero dalle Sezioni Regionali e Provinciali dell'Albo Gestori Ambientali per la comunicazione della data dell'appuntamento ai fini della consegna dei dispositivi USB e delle black box (in quest’ultimo caso per i trasportatori).

  

In assenza della citata comunicazione di avvenuto pagamento, il SISTRI non potrà procedere alle successive operazioni relative alla consegna dei dispositivi elettronici a ciascuno spettanti.

 A quanto ci consta, ad alcuni nostri associati è pervenuto dal SISTRI il seguente messaggio:

 <<Si fa presente che a seguito di verifiche eseguite dal sistema è stato riscontrato che molti operatori che hanno effettuato la procedura di iscrizione, nonostante abbiano ricevuto l'assegnazione del numero di pratica, non hanno ancora provveduto a comunicare a SISTRI gli estremi dell'avvenuto pagamento dei contributi dovuti.

A tale riguardo si ricorda che l'art. 5 del Decreto 15 febbraio 2010 prescrive che dopo aver effettuato il pagamento dei contributi previsti, gli operatori dovranno comunicare al SISTRI, via fax al numero verde 800 05 08 63 o via e-mail all'indirizzo contributo@sistri.it, i seguenti estremi di pagamento:

- il numero della quietanza di pagamento rilasciata dalla Sezione della Tesoreria Provinciale presso la quale è stato effettuato il pagamento, ovvero il numero VCC-VCY della ricevuta del bollettino postale, ovvero il numero del "Codice Riferimento Operazione" (CRO) del bonifico bancario;

- l'importo del versamento;

- il numero di pratica a cui si riferisce il versamento.

Si rammenta che in mancanza della predetta comunicazione dell'avvenuto pagamento il SISTRI non potrà procedere alla personalizzazione dei dispositivi USB e alla successiva consegna degli stessi.

Qualora abbia già provveduto al pagamento dei contributi dovuti La preghiamo di non tener conto della presente comunicazione>>.

 E’ ovvio, come d’altronde precisato nello stesso messaggio, che l’operatore, qualora abbia già provveduto al pagamento e comunicato al SISTRI i relativi estremi, non dovrà tener conto della comunicazione. In caso contrario, l’obbligato, anche se fuori termine, dovrà affrettarsi a pagare il contributo e/o comunicare l’avvenuto pagamento nei modi indicati.

 Dal Ministero dell’ambiente ci è stato fra l’altro suggerito di informare gli operatori che l’iscrizione è doverosa anche fuori termine, considerato anche che per ora non sono state previste le ipotesi di violazione e le relative sanzioni.

 


← Ritorna indietro


INNOVA ENERGIA

INNOVA ENERGIA

FISCALITA'

CREDITO


Orario di apertura:

dal Lunedì al Venerdì
dalle 08:30 alle 12:30
Mar - Mer - Gio
15:30 - 17:30
Campagna adesione

Confesercenti INFORMA

Confesercenti informa 2017

CAAF Sicurezza fiscale
CESCOT
Fonter
Com Fidi
Consorzio Regionale Esercenti Sardi Fidi

Patronato ITACO