Confesercenti Sassari

Notizie

  • Nuove date per i CORSI SULLA SICUREZZA

    06 febbraio 2015

    IL CORSO PER ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (ex D.M. 388/2003) SI SVOLGERA' NELLE SEGUENTI DATE:

     LUNEDì 16 FEBBRAIO 2015 DALLE ORE 15,30 ALLE ORE 19,30

     LUNEDì 23 FEBBRAIO 2015 DALLE ORE 15,30 ALLE ORE 19,30(in                                                          questa data è possibile fare anche l'aggiornamento triennale)                                              

     MARTEDì 24 FEBBRAIO 2015 DALLE ORE 15,30 ALLE ORE 19,30

     

    PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI CONTATTARE IL NUMERO 0792592041   


  • NUOVA DICHIARAZIONE DSU

    04 febbraio 2015

    Dal 1° gennaio è cambiata la normativa relativa al rilascio della dichiarazione ISEE, meglio denominata DSU. Per il rilascio sono ora necessari 15 giorni lavorativi.

    In allegato i documenti necessario per la richiesta della certificazione.


  • Corsi sulla Sicurezza

    16 gennaio 2015

    I CORSI SULLA SICUREZZA IN PROGRAMMA PER I MESI DI APRILE MAGGIO 2015

    Corso Antincendio (rischio basso) 4 ore:  8 APRILE

    Corso di formazione generica e specifica per i dipendenti di aziende a basso rischio, 8 ore: 13 aprile e 20 aprile

    Corso per Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) 32 ore: 09 aprile - 14 aprile - 16 aprile - 21 aprile - 23 aprile - 28 aprile  - 30 aprile- 05 maggio

    PER INFORMAZIONI CONTATTARE I SEGUENTI NUMERI: 079254127 - 0792592041


  • TARIFFE SIAE 2015

    07 gennaio 2015

    Si ricorda che gli importi delle tariffe SIAE per il 2015 rimangono invariati rispetto al 2014. Ad oggi la scadenza, salvo proroghe dell'ultimo momento, sarà il 28 febbraio 2015.
    Si ricorda, inoltre, che i soci in regola con il tesseramento 2015 potranno ottenere uno sconto SIAE.
    Oltre alla scadenza SIAE si ricorda il pagamento del canone Rai e l'equo compenso del Consorzio Fonografici - SCF.

    Ricordiamo inoltre che presso i nostri uffici di Via Bogino 25 a Sassari è possibile ritirare la tessera 2015 e i certificati da presentare alla Siae per l'applicazione della tariffa agevolata.

    Potete contattarci al numero 0792592041 tutte le mattine dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e nei pomeriggi di martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 15,30 alle ore 18,00.


  • ORDINANZE DEL COMUNE DI SASSARI N. 172-173-174

    23 dicembre 2014

    ORDINANZA 172 DEL 18/12/2014 :

    DIVIETO DI ACCENSIONE E LANCIO FUOCHI D’ARTIFICIO, SPARO DI PETARDI, SCOPPIO DI MORTARETTI, RAZZI ED ALTRI ARTIFICI PIROTECNICI DALLE ORE 01,00 DEL 23/12/2014 ALLE ORE 24,00 DEL 06/01/2015

    ORDINANZA 173 DEL 18/12/2014:

    FESTEGGIAMENTI PER LA NOTTE DI CAPODANNO – DIVIETO DI SOMMINISTRAZIONE E VENDITA DI BEVANDE IN LATTINE E CONTENITORI DI VETRO DALLE ORE 21,00 DEL 31/12/2014 ALLE ORE 08,00 DEL 01/01/2015 .

    ORDINANZA 174 DEL 18/12/2014: 

    PROROGA ORARIO CESSAZIONE PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI PRESSO I PUBBLICI ESERCIZI IN OCCASIONE DEI FESTEGGIAMENTI DI CAPODANNO, IN DEROGA ALL'ORDINANZA SINDACALE N. 45/06.

    In allegato le ordinanze del Comune di Sassari.


  • Nuovi obblighi inerenti l’indicazione degli allergeni contenuti nei prodotti alimentari somministrati.

    18 dicembre 2014

    Dal 13 dicembre 2014, è applicabile nel nostro Paese la norma, di cui all’art. 44 del Regolamento (CE) n. 1169/2011 (recante nuove disposizioni inerenti l’etichettatura dei prodotti alimentari), che concerne le indicazioni obbligatorie sugli alimenti “posti in vendita” senza imballaggio.

    Detta norma, comporta, per chi somministra alimenti e bevande, il solo obbligo di fornire l’indicazione relativa agli allergeni, ossia a “qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell’allegato II (al Reg. n. 1169) o derivato da una sostanza o un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata”. Non è previsto invece, per gli alimenti e bevande somministrati, alcun obbligo di indicazione degli altri ingredienti, diversi dagli allergeni.

    La disposizione però non indica come l’obbligo debba essere adempiuto, lasciando agli Stati membri dell’UE la facoltà di adottare disposizioni nazionali concernenti “i mezzi con i quali le indicazioni o loro elementi devono essere resi disponibili ed, eventualmente, la loro forma di espressione e presentazione”.

    A ciò sta lavorando il Ministero dello Sviluppo economico, in collaborazione con il Ministero della Salute, predisponendo un provvedimento, nella forma del DPCM, che però non vedrà certo la luce in tempi brevissimi.

    Sta di fatto che la DG SANCO, competente a Bruxelles in materia di salute e consumatori, ha affermato, in argomento, in un documento di ausilio all’interpretazione delle norme del Regolamento n. 1169, che fino a quando lo Stato non avrà adottato apposite misure, le informazioni relative alle allergie e intolleranze dovranno essere fornite per iscritto, essere facilmente visibili, chiaramente leggibili ed eventualmente indelebili.

    In attesa che il DPCM venga approvato, dunque, non possiamo – da parte nostra – dare ulteriori specifiche informazioni su come debba essere adempiuto da domani l’obbligo di indicazione degli allergeni per gli alimenti e le bevande somministrati, se non ribadendo quanto sopra evidenziato.

    I lavori di un Tavolo tecnico indetto dal MISE, ai quali partecipiamo, hanno portato ad una bozza di DPCM che attualmente prevede, in alternativa all’inserimento dell’indicazione degli allergeni su menù o registro o apposito cartello o altro sistema equivalente da tenere bene in vista, l’apposizione nei locali dell’esercizio di un cartello che avvisi della possibile presenza degli allergeni e rimandi al personale cui chiedere le necessarie informazioni, che però dovrebbero anche “risultare da una documentazione scritta e facilmente reperibile sia per l’autorità competente sia per il consumatore finale”. Trattasi però di norme attualmente in fase di predisposizione, per cui assolutamente non applicabili in concreto.

    Va detto che, essendo l’adempimento cui ci riferiamo assolutamente nuovo, non esiste ancora una sanzione applicabile in relazione allo stesso, dato che il MISE sta lavorando anche alla predisposizione della bozza di decreto legislativo che stabilirà le sanzioni per i nuovi obblighi di cui al Regolamento n. 1169, e dunque l’eventuale inidonea indicazione degli allergeni (fra l’altro incolpevole, in mancanza di certezza circa le relative modalità di espressione) non potrebbe dar luogo a irrogazione di sanzioni specifiche.

    Per quanto ci compete, non possiamo che consigliare anzitutto di pretendere dai fornitori di prodotti preimballati (già definiti preconfezionati, e cioè avvolti in un imballaggio/confezione in modo che il contenuto non possa essere alterato senza aprire o cambiare l’imballaggio medesimo) un’etichettatura conforme agli obblighi, e dunque con l’indicazione espressa della presenza degli eventuali allergeni. Ma anche da chi fornisca prodotti non preimballati (potrà trattarsi dei prodotti offerti in vendita al consumatore finale o alle imprese di ristorazione senza confezione, o preincartati sui luoghi di vendita o generalmente venduti previo frazionamento, anche se originariamente preconfezionati, o infine preincartati sui luoghi di vendita ai fini della vendita a libero servizio) occorrerà pretendere - e d’altronde è un obbligo di legge - l’indicazione espressa degli allergeni, al fine di poterla fornire ai consumatori.

    Per quanto riguarda l’indicazione degli allergeni da parte del titolare del pubblico esercizio, in questa fase, ed in mancanza di precise previsioni di legge, il consiglio di fondo è quello di cercare il più possibile di precostituire una documentazione scritta, consultabile dai consumatori e dagli organi di controllo, che faccia riferimento alla presenza di eventuali allergeni nelle pietanze e nelle bevande.

    Ciò per garantire il rispetto delle norme in materia di etichettatura, ma soprattutto per evitare più gravi conseguenze che potrebbero occorrere nella malaugurata ipotesi di danni subiti da consumatori i quali abbiano poi a lamentarsi di non aver ricevuto l’idonea informazione o addirittura di essere stati indotti in errore da indicazioni fallaci.

     


  • Nuova etichettatura prodotti ittici

    18 dicembre 2014

    In materia di etichettatura dei prodotti alimentari, oltre al Regolamento (CE) n. 1169/2011, va richiamato anche il Regolamento (CE) 11 dicembre 2013, n. 1379, relativo all'organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura, che abroga il precedente Regolamento (CE) n. 104/2000.

    Quest’ultimo, come è noto, prevedeva come informazioni obbligatorie da riportare in etichetta:

    a) la denominazione commerciale della specie,

    b) il metodo di produzione (cattura in mare o nelle acque interne o allevamento),

    c) la zona di cattura.

    Il regolamento (CE) n. 2065/2001 stabiliva poi le modalità di applicazione del Regolamento n. 104/2000 e, nel nostro Paese, il DM 27 marzo 2002, in materia di Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo, disponeva che le informazioni obbligatorie in ogni stadio della commercializzazione, ai fini della tracciabilità, fossero le seguenti:

    a) la denominazione commerciale, secondo l'elenco richiamato nell’art. 3 del decreto medesimo;

    b) la denominazione scientifica della specie interessata;

    c) il metodo di produzione come definito dall'art. 4 del Regolamento (CE) n. 2065/200l;

    d) la zona di cattura come definita dall'art. 5 del Regolamento (CE) n. 2065/2001.

    Le informazioni sopra indicate dovevano essere fornite, secondo i casi, mediante l'etichettatura o l'imballaggio del prodotto, oppure mediante un qualsiasi documento commerciale della merce, ivi compresa la fattura.

    Il Capo IV del nuovo Regolamento n. 1379/2013 stabilisce ora le nuove norme sull’informazione dei consumatori, applicabili dal 13 dicembre 2014.

     ...segue

     


  • LE DATE DEI PROSSIMI CORSI SULLA SICUREZZA

    05 dicembre 2014

     

    Il CE.S.CO.T. Formazione Sassari organizza nei prossimi giorni i seguenti

    corsi sulla sicurezza:

     

    Corso per Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione (RSPP)

    Durata del corso: 16 ore

    Il corso si terrà nei giorni: 8 gennaio - 13 gennaio

                                                     15 gennaio - 20 gennaio

    Corso Antincendio

    Durata del corso: 4 ore

    Il corso si terrà nei giorni: 22 gennaio 

     

    Per info e iscrizioni contattate, al più presto, i seguenti numeri:

    Daniela 079254127 - Patrizia 0794121747

    Oppure inviate una mail a: cescotformazione@gmail.com


  • CORSO ABILITANTE ALLA SOMMINISTRAZIONE E VENDITA DI ALIMENTI E BEVANDE

    10 novembre 2014

    OGGETTO: avvio imminente di un corso abilitante per la
    “Somministrazione e vendita di alimenti e bevande” ;
    Il CESCOT-CONFESERCENTI di Sassari comunica che è ancora
    possibile iscriversi al corso abilitante alla Somministrazione e Vendita di
    Alimenti e Bevande che verrà avviato alla fine di questo mese di novembre 
    2014.
    Gli interessati possono inoltrare la richiesta fino al completamento della
    classe, recandosi direttamente nella nostra sede di via Bogino n°25 a
    Sassari, contattandoci ai numeri di telefono: 079/254127- 079/2592041
    oppure inviandoci un’ e-mail all’indirizzo: cescot@confesercentisassari.it nel
    più breve tempo possibile.
    I moduli di iscrizione sono anche scaricabili dal nostro sito alla sezione
    formazione.
    Per il Cescot-Confesercenti
    Daniela Ligas


  • CORSO BARMAN 1°LIVELLO

    13 ottobre 2014

    IL 17 NOVEMBRE 2014 INIZIERANNO LE LEZIONI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER BARMAN DI 1°LIVELLO ORGANIZZATO DAL CESCOT - CONFESERCENTI in collaborazione con la F.I.B. FEDERAZIONE ITALIANA BARMAN. Il corso sarà tenuto da docenti altamente qualificati e prevede il rilascio di un ATTESTATO DI FREQUENZA.

    LE LEZIONI SI TERRANNO NELLA SEDE DELLA CONFESERCENTI PROVINCIALE DI SASSARI

    IN VIA BOGINO 25.

    PER INFO E ISCRIZIONI POTETE CONTATTARE I NUMERI:

    DANIELA 079254127-PATRIZIA 0794121747 OPPURE INVIARE UNA MAIL ALL'INDIRIZZO: cescotformazione @gmail.com




INNOVA ENERGIA

INNOVA ENERGIA

FISCALITA'

CREDITO


Orario di apertura:

dal Lunedì al Venerdì
dalle 08:30 alle 12:30
Mar - Mer - Gio
15:30 - 17:30
Campagna adesione

Confesercenti INFORMA

Confesercenti informa 2017

CAAF Sicurezza fiscale
CESCOT
Fonter
Com Fidi
Consorzio Regionale Esercenti Sardi Fidi

Patronato ITACO